Sagra delle fragole

SAGRA DELLE FRAGOLE (prima domenica di giugno di ogni anno)

È la più importante manifestazione popolare che dal primo decennio del secolo scorso si svolge a Nemi per celebrare questo piccolo, ma gustosissimo frutto che ha fatto conoscere il nostro paese nel mondo (84a edizione nel 2017). Nei bar, nei ristoranti e nei numerosi "luoghi del gusto" potrete trovare altre 1.000 preparazioni, tutte rigorosamente, a base di fragole e fragoline di bosco… Tanti gli eventi e le iniziative che fanno da cornice alla manifestazione!  


L’origine di questa antica festa, che viene celebrata la prima domenica di giugno, è certamente da collegare ai riti di ringraziamento per il raccolto. E’ legata al lavoro dei campi, ai suoi prodotti, alla vita contadina, al folklore ed ai sapori agresti. Notizie documentate della sua esistenza datano solo dall’inizio del ‘900, ma esiste una incisione di Bartolomeo Pinelli del 1822 in cui è raffigurato il Trionfo delle Fragole alla Rotonda (il Pantheon) e che testimonia, accanto ad altre fonti, l’esistenza di una festa delle fragole che si svolgeva il 13 giugno, festa di S. Antonio da Padova, a Roma in Campo de’ Fiori e poi si spostava in altre piazze della città. Anche nella festa romana c’erano le “fragolare” e la distribuzione gratuita dei frutti; si narra, addirittura che già i Romani si deliziavano con il piccolo frutto di Nemi.

La Sagra delle Fragole è uno degli eventi più longevi del Lazio attraverso il quale si vuole promuovere la tradizione storica e popolare del nostro territorio. Il programma prevede la partecipazione di vari gruppi folkloristici dei Castelli Romani che si alternano fra danze popolari, canti, esibizione degli sbandieratori, oltre che la storica sfilata delle “Fragolare” in costume d’epoca che offrono il gustoso frutto rosso dai loro cesti a tutti gli ospiti: bambine e donne d’ogni età, abbigliate con l’antico costume tradizionale: gonna rossa, bustino nero, camicetta bianca e la mandrucella, il tipico copricapo di pizzo con fiocchi rossi